Software to block websites on PC: cosa sono gli strumenti per una navigazione protetta

Limitare la navigazione verso siti pericolosi o siti con contenuti sensibili

Le risposte alla ricerca “Software to block website on PC” – in italiano “software per PC per bloccare i siti” – su Google restituisce una serie di applicativi ideati apposta per limitare la navigazione verso siti pericolosi o siti con contenuti sensibili (pornografici, di pedofilia, blasfemi, incitanti all’odio o all’uso delle armi ecc.). Vediamo come funzionano e perché è importante utilizzarli.

1. Cosa è un software che blocca i siti su PC

La definizione è chiara: un “software to block websites on PC” è un programma da installare sul proprio computer, desktop o laptop, ma anche su un tablet o smartphone, capace di bloccare l’accesso a siti pericolosi e che contengono contenuti sensibili.

Come avviene il blocco? Ovvero, come funziona un software che blocca i siti su PC? Si tratta di un sistema di filtraggio della navigazione che entra in gioco al momento della richiesta di un utente per l’accesso a un sito. Il software “prende in carico” la richiesta, va a controllare istantaneamente se il sito richiesto è inserito in determinate black list e fornisce una risposta al programma di navigazione. Se il sito non risulta pericoloso, l’utente ottiene il via libera e accede alle pagine desiderate. Il tutto avviene in un tempo dell’ordine dei millisecondi, al punto che l’utente non si deve rendere conto dell’esistenza del filtro.

Importante segnalare che i migliori software che bloccano i siti su PC, più correttamente si chiamano Filtri DNS. Questo perché il controllo avviene a livello di DNS, ovvero direttamente sull’IP del computer che ospita il sito. Questo perché chi ha realizzato il sito pericoloso potrebbe facilmente aggirare i controlli basati sui contenuti.

2. Perché è importante un software che blocca i siti su PC

I contesti in cui un software che blocca i siti su PC è utile sono diversi. Si può averne bisogno in famiglia, per proteggere la navigazione dei più piccoli. Evitando, così, che visualizzino contenuti pornografici o pedopornografici. Ma anche contenuti che possano mettere in pericolo il navigatore, come i siti che inneggiano alla violenza o all’uso delle armi, o al gioco d’azzardo. Questi strumenti sono utilissimi non solo in famiglia, ma anche a Scuola, nelle Biblioteche Pubbliche. Insomma, in tutti i contesti in cui è previsto il libero accesso a un computer da parte di utenti di cui, magari, non si hanno garanzie sull’età.

Ma i software che bloccano l’accesso ai siti su PC sono particolarmente apprezzati anche in azienda o nella Pubblica Amministrazione. Un’azienda, infatti, potrebbe attivarli per evitare che il tempo speso su siti non inerenti all’attività lavorativa, come i Social Network o i siti di Gaming, influisca sulla produttività.

3. Come scegliere un software che blocca i siti su PC

Prima di capire quali sono le caratteristiche da verificare prima di fare la propria scelta, segnaliamo che oggi più che di “software che blocca i siti su PC” si parla di servizio di filtraggio (via DNS). Ciò significa che, soprattutto nel caso di reti di computer, può non essere necessario installare un software sul proprio PC, laptop o dispositivo mobile. Al contrario, si aderisce a un servizio, pagando una quota mensile, impostando il router o il gateway in modo da attivare il filtro durante ogni navigazione.

Può succedere, inoltre, che il servizio di filtraggio DNS sia già compreso nell’offerta di un Internet Service Provider. O che venga incluso nel progetto di installazione di una rete da parte di un partner IT.


>> FlashStart è compreso nell’offerta di centinaia di partner nel mondo che realizzano reti sicure per Scuole, Pubbliche Amministrazioni e PMI


Ricordiamo, infine, che tutti i programmi di navigazione, sistemi operativi come Windows 10 e molti servizi web, propongono un filtro per la navigazione. Ma queste soluzioni presentano dei limiti. Quelli disponibili sui browser, come Google Chrome, o su servizi come YouTube, per esempio, bloccano l’accesso ai siti solo attraverso quel browser o quel servizio.

Mentre, un software dedicato che blocca i siti su PC è universale. Perché agisce su qualunque richiesta provenga dal computer dell’utente, indipendentemente dall’applicazione che si usa per accedere a un sito.

Nella scelta del software migliore per bloccare i siti su PC è importante avere garanzie sulla frequenza di aggiornamento delle black list e la libertà di personalizzazione delle regole di filtraggio. Importante anche avere a disposizione una categorizzazione dei siti più ampia possibile e un filtro di geoblocking. Ovvero che escluda a priori domini registrati in Paesi che si sa sono focolaio di cyberattacchi e truffe. Il Filtro DNS di FlashStart, per esempio, supporta ben 85 categorie di contenuti diversi.

Oggi, inoltre, molti produttori come FlashStart si avvalgono di algoritmi basati sull’Intelligenza Artificiale. L’algoritmo di Intelligenza Artificiale permette di velocizzare la raccolta dei dati sui DNS, domini e contenuti, “imparando” dalle analisi dei siti e prevedendo quali altri possano essere a rischio blocco. In questo modo si migliora la qualità del filtro e si evita il blocco a siti erroneamente considerati pericolosi (falsi negativi).

È importante, infine, considerare la facilità di installazione e di personalizzazione del software e, infine, la latenza garantita, ovvero il tempo che intercorre tra la richiesta e la risposta del filtro DNS.


>> FlashStart ti protegge da una vasta gamma di minacce e vieta l’accesso a siti malevoli → Inizia ora la tua prova gratuita


4. Meglio un filtro DNS o una soluzione completa di sicurezza?

Un filtro DNS è un’ottima soluzione per proteggere la navigazione dai malware, dal phishing e dall’installazione dei trojan. I migliori, infatti, consultano black list e utilizzano il geo blocking proprio a questo scopo: evitare che l’utente finisca su un sito che contiene contenuti dannosi per il PC e per la rete aziendale.

Così, un filtro DNS come quello di FlashStart è un’ottima alternativa a un software di sicurezza. Sapendo che quasi il 90% dei danni a computer e reti informatiche deriva dall’apertura di un link da parte di un utente, è chiaro che poter contare su un filtro DNS di qualità è già un buon passo per proteggersi dai cybercriminali.

Un filtro DNS, inoltre, è molto più facile da attivare, da configurare e da personalizzare di una soluzione completa di sicurezza. E, soprattutto, è decisamente più conveniente. Per questo che tante PMI, Istituzioni scolastiche e famiglie hanno scelto il filtro DNS di FlashStart. Diversi enti indipendenti, infatti, lo segnalano come il miglior compromesso tra qualità e prezzo.


>> FlashStart è leader nella competitività → Richiedi i prezzi


Su qualunque Router e Firewall puoi attivare la protezione FlashStart® Cloud per mettere in sicurezza i device desktop e mobile e i dispositivi IoT sulle reti locali.

Articoli correlati