OpenDNS non è disponibile in Francia e Portogallo: perché non lo è e come risolverlo

FlashStart, l'alternativa europea a OpenDNS/Cisco Umbrella

OpenDNS, il servizio di risoluzione DNS acquisito da Cisco nel 2015 e ora Cisco Umbrella, ha scelto di rendersi irraggiungibile per gli utenti di Francia e Portogallo dal 28 giugno 2024.

La decisione è la conseguenza dell’ordine imposto dal Tribunale francese di bloccare 117 domini che trasmettono partite illegalmente, a seguito dell’azione legale dell’emittente francese Canal+ con Google, Cloudflare e OpenDNS per la violazione dell’articolo L.333-10 https://www.legifrance.gouv.fr/codes/article_lc/LEGIARTI000044247629/ del Codice dello Sport francese.

1. Che cos’è OpenDNS

Nelle intenzioni del suo fondatore, l’hacker David Ulevitch che l’ha lanciata nel 2006, l’idea era quella di offrire un servizio di risoluzione dei nomi di dominio in indirizzi IP non controllabili da governi, enti militari e istituzioni pubbliche per garantire la massima libertà di navigazione. Dopo aver raggiunto il milione di utenti nel 2007, il servizio ha galleggiato nel mercato delle soluzioni simili fino all’acquisizione da parte di Cisco nel 2015.

Nel 2009, OpenDNS, nato come servizio gratuito per i consumatori, ha proposto un’offerta più ampia e a pagamento per le aziende, chiamata Umbrella, che ora fa parte dell’offerta di Cisco. Va inoltre notato che, per monetizzare un servizio inizialmente aperto a tutti e gratuito, Ulevitch ha scelto di ospitare annunci digitali sulle pagine generate dalle query non risolte.

Nel corso degli anni, Ulevitch ha introdotto sempre più nuove funzionalità al servizio, da un filtro anti-phishing (PhishTank) al filtraggio dei contenuti e, al momento dell’acquisizione da parte di Cisco, anche un servizio completo di protezione della navigazione.

In questi quasi 10 anni di coesistenza di Cisco Umbrella con un nutrito gruppo di concorrenti come FlashStart, la reputazione del servizio è andata costantemente diminuendo, fino al punto che il 31 luglio 2022 Cisco ha interrotto il programma https://flashstart.com/cisco-opendns-for-msps-does-not-exist-anymore-choose-an-alternative-like-this-one/ per i partner MSP di Cisco OpenDNS, costringendo il suo canale a migrare verso il Cisco Secure Managed Service Provider. In pratica, da due anni gli MSP (Managed Service Provider) non possono stipulare contratti di acquisto relativi al servizio OpenDNS.

2. Cosa richiede il Tribunale francese

Come già accaduto in diversi altri Paesi, tra cui l’Italia dove il “pezzotto” è in allarme da tempo, anche la Francia è in guerra con i siti che trasmettono in streaming pirata gli eventi sportivi, in particolare le partite di calcio. In Italia, ad esempio, il governo ha introdotto la piattaforma nazionale antipirateria Piracy Shield, che blocca automaticamente (entro mezz’ora) i siti segnalati per lo streaming illegale.

Dal dicembre 2023, l’AGCOM, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, supervisiona la gestione di Piracy Shield e, a distanza di poco più di un anno, i risultati sono già allarmanti. AGCOM, infatti, vuole aggiornare il servizio rendendo possibile lo sblocco di domini non più attivi ma ancora presenti nella lista, facendo così spazio ad altri siti. Questo perché Piracy Shield ha un limite massimo nel numero di IP da bloccare, ma soprattutto perché l’amministratore di un sito pirata oscurato impiegherà solo dieci minuti per aprirne un altro.

In Francia, il fenomeno è emerso dopo che Canal+ ha denunciato 117 siti pirata. I provider francesi hanno prontamente effettuato l’oscuramento, ma in Francia i servizi illegali hanno continuato a essere utilizzati attraverso DNS pubblici come quelli forniti da Google e Cloudflare, per cui il blocco sembrava impossibile.

Tuttavia, Canal+ ha citato in giudizio Google, Cloudflare e OpenDNS e la Corte di Francia ha emesso un’ordinanza in cui obbliga anche i servizi DNS di terze parti a bloccare l’accesso agli IP pirata e, soprattutto, a mettere in atto un processo di blocco automatico degli IP su richiesta. The French court was joined by the Portuguese court who, with an order based on Article 210-G(3), asked aexactly the same things.

3. Decisioni DNS e l’alternativa di FlashStart

Mentre Cloudflare non si è ancora espressa e Google non ha avuto problemi a rispettare l’ordine del tribunale francese, OpenDNS si è messo di traverso e ha interrotto l’accesso al servizio in Francia e Portogallo.

La decisione va letta in termini di coerenza: per un servizio che ha sempre promosso la libertà di navigazione e la democrazia su Internet, bloccare l’accesso a determinati IP è una forma di censura inaccettabile. Ma il sospetto è che Cisco stia cogliendo l’occasione per proseguire con la dismissione di OpenDNS.

Giusto o meno, censura o legalità, il fatto è che gli utenti, le aziende e gli ISP che utilizzano Cisco Umbrella in Francia e Portogallo dovranno optare per un servizio alternativo di protezione della navigazione. La scelta, tuttavia, sebbene teoricamente vasta, non è facile.

FlashStart non è solo molto più veloce di Cisco Umbrella, ma anche di molti altri servizi di protezione della navigazione a livello globale: il benchmark indipendente DNSPerf https://www.dnsperf.com/#!dns-resolvers colloca Umbrella tre posizioni dopo FlashStart in termini di prestazioni.

FlashStart is appreciated in more than 160 Countries worldwide for its simplicity as well as its technical support that is always available and highly efficient 24/7. Inoltre, FlashStart DNS è in grado di filtrare circa due miliardi di interrogazioni di siti web e di proteggere la navigazione di 25 milioni di utenti ogni giorno, è presente in oltre diecimila aziende, scuole e pubbliche amministrazioni ed è fornito, anche su base di servizio, da 700 partner certificati.

Ecco sette punti distintivi di FlashStart DNS:

  1. Aggiornamento frequente delle liste nere: FlashStart controlla 200 mila nuovi siti al giorno.
  2. Garanzia di bassa latenza (la latenza è il tempo che intercorre tra la richiesta e l’accesso).
  3. 200 categorie di siti dannosi e geoblocking per isolare i Paesi pericolosi.
  4. Utilizzo dell’intelligenza artificiale per migliorare la qualità e la latenza delle blacklist.
  5. Facilità di configurazione e personalizzazione.
  6. Integrazione nativa con Active Directory di Microsoft per velocizzare il lavoro degli amministratori di sistema di scuole, istituzioni e PMI.
  7. Protezione LAN mondiale e roaming sui punti finali attraverso la rete Anycast.

>> FlashStart vi protegge da un’ampia gamma di minacce e blocca l’accesso a siti dannosi → Provatelo ora


È possibile attivare la protezione FlashStart® Cloud su qualsiasi tipo di router e firewall per proteggere i dispositivi desktop e mobili e i dispositivi IoT sulle reti locali.

Tempo di lettura 2 min
Valerio MarianiB2B IT Journalist & Digital content
Mi occupo di fornire alle aziende analisi approfondite e contenuti digitali di alta qualità per aiutarle a rimanere competitive nel mercato tecnologico. Sono qui per fornire intuizioni chiare e strategie di comunicazione efficaci per il successo aziendale.

Visualizza tutti gli articoli di Valerio Mariani

Mi occupo di fornire alle aziende analisi approfondite e contenuti digitali di alta qualità per aiutarle a rimanere competitive nel mercato tecnologico. Sono qui per fornire intuizioni chiare e strategie di comunicazione efficaci per il successo aziendale.
Condividi questo articolo:  
For information
click here
For a free trial
click here
For prices
click here
Follow us on
Linkedin | YouTube