La sicurezza web in cloud: la tua vita connessa, resa sicura e semplice

In questo post discutiamo come la sicurezza web in cloud abbia rapidamente preso piede nel panorama delle soluzioni di cyber security. Presentiamo i suoi principali vantaggi e mostriamo come il filtro contenuti di FlashStart basato sul cloud sia diventato una soluzione apprezzata in tutto il mondo per bloccare contenuti malevoli e aumentare la sicurezza della tua esperienza Internet.

1. Cloud: la grande migrazione

Sempre più organizzazioni in tutto il mondo stanno migrando i loro processi sul cloud. Conosciamo tutti Dropbox, l’azienda che si occupa di servizi di file hosting fondata in America nel 2007. L’idea originale, di due studenti dell’MTI (Massachusetts Institute of Technology), ha fatto la storia. Da allora, i servizi basati sul cloud sono aumentati non solo in termini di capacità del cloud ma anche nella varietà dei servizi offerti.

Infatti, il cloud è ora disponibile per tutti i tipi di servizi:
» Repository di documenti: questo è il servizio di base offerto da aziende come Dropbox, dove gli utenti possono caricare, archiviare e scaricare file ma anche condividerli con altri utenti. Gli esperti IT considerano questo un esempio di SAAS, o Software-As-A-Service.
» Spazi di lavoro online (come Google Workplace): piattaforme condivise che includono repository di documenti ma permettono anche agli utenti, alle aziende e alle organizzazioni di produrre e gestire i file direttamente online. In gergo tecnico questi vengono definiti dei PAAS, o Platform-As-A-Service.
» E infine, i servizi di tipo IAAS (Infrastructure-As-A-Service) sono anch’essi disponibili via cloud. Questi servizi sono quelli che rendono possibile la creazione stessa di ambienti di cloud, come IBM CloudBurst.

Lo sviluppo dei servizi cloud è andato di pari passo con la migrazione verso il cloud in una vasta gamma di industrie. Secondo le stime di Builtin, “il cloud computing ammonta ad un buon 33 per cento di tutti i budget IT a livello mondiale”. E questa migrazione è visibile in tutti i tipi di imprese, dai servizi finanziari, all’educazione, alla sanità, all’analisi dati e ai processi aziendali.

2. Il cloud come nuova frontiera per i servizi di sicurezza

In questo panorama, la cyber security non ha fatto eccezione: la sicurezza web in cloud si è sviluppata senza sosta negli ultimi vent’anni. Nata dal desiderio di rimpiazzare i tradizionali strumenti di cyber security, è evoluta costantemente per:
» Soddisfare i bisogni di un ambiente Internet in continua evoluzione;
» Costruire un set di capacità per fronteggiare e contrastare le nuove minacce informatiche e nuove versioni di minacce già esistenti;
» Essere in grado di rispondere alle crescenti richieste di servizi basati su internet da parte di aziende e organizzazioni.

La spinta verso la sicurezza web in cloud può pertanto essere rimandata a due fattori principali:
» Dal lato dell’offerta, il desiderio di allontanarsi dalle soluzioni tradizionali di cyber security basate sull’hardware (→ Per maggiori informazioni sui vantaggi della sicurezza web in cloud rispetto alle tradizionali applicazioni firewall leggi il nostro articolo dedicato)
» Dal lato della domanda, la migrazione da parte di aziende e organizzazioni in tutto il mondo e operanti in tutti i settori verso servizi basati su Internet.


>> FlashStart ti protegge da una vasta gamma di minacce e blocca l’accesso ai siti malevoli → Inizia ora la tua prova gratuita


3. Il Covid-19 e la spinta verso una maggiore sicurezza in cloud

3.1 Primo step: una spinta generale verso i servizi basati sul cloud

Poi è arrivata la pandemia da Covid-19, e con essa una grande spinta verso i servizi Internet. Infatti, la pandemia ha reso Internet una realtà per tutti e per la maggior parte dei lavori.

Per quanto riguarda le persone, tutti ne sono stati influenzati, dai bambini agli anziani. I servizi scolastici si sono spostati sulle piattaforme Internet non solo per la parte documentale ma anche per le lezioni vere e proprie. Anche i servizi sanitari sono migrati su Internet e persino le persone più anziane hanno dovuto adattarsi a vedere il proprio medico attraverso uno schermo o a ricevere le ricette per mail.

A livello lavorativo, invece, sono avvenuti due tipi di cambiamenti:
» Da un lato le aziende in cui, a causa di una mentalità strettamente tradizionali, il lavoro agile non era mai stato valutato come possibilità, hanno dovuto cambiare idea velocemente e renderlo possibile.
» Dall’altro, aziende e organizzazioni hanno dovuto chiedersi per tutti i tipi di lavori se i vari compiti e, in caso, quali, avrebbero potuto essere svolti da remoto. Ciò ha addirittura portato allo sviluppo di nuove idee per alcuni lavori tradizionalmente considerati impossibili da svolgere lontano dal luogo di lavoro.

3.2 Secondo step: la richiesta per una maggiore sicurezza web in cloud

La spinta verso sempre più servizi basati su Internet avvenuta in seguito allo scoppio della pandemia da Covid-19 è stata presto accompagnata da un aumento nel numero di attacchi informatici. Non è chiaro esattamente quanti di questi attacchi siano avvenuti durante il primo anno della pandemia, ma la criminalità informatica è stata citata dai giornali e telegiornali nazionali.


>> Per sapere di più riguardo i principali attacchi hacker del 2021 Leggi il nostro articolo dedicato


Uno dei principali problemi incontrati sia dalle aziende che dalle famiglie e istituzioni educative è stato che molti tra impiegati e studenti non erano coscienti di quanto facilmente si siano diffuse le frodi online e di quanto spesso essi rischiano di esserne l’obiettivo diretto.

InnovationAtWork ha riportato che secondo un sondaggio fatto tra gli utenti Internet americani, il 48% di chi ha risposto ha dichiarato di essere stato “l’obiettivo di email di phishing, chiamate o messaggi sia a livello personale che professionale, nel corso dei sei mesi passati a lavorare da casa”.

3.2.1  Problema comune, necessità diverse

Con tutte queste persone colpite dagli attacchi non sorprende che organizzazioni e istituzioni abbiano aumentato la loro richiesta di servizi di sicurezza web in cloud. Il loro obiettivo è stato di provare a salvaguardare non solo le reti interne ma anche le VPN (Virtual Private Network) usate dai dipendenti in lavoro agile per connettersi alla rete aziendale.

Per le istituzioni educative, non c’era solo il bisogno di garantire la sicurezza dei dati ma anche quello di proteggere i propri stakeholder, rappresentati in questo caso da giovani utenti di Internet, e evitare che venissero esposti a vari tipi di contenuti:

» Veri e propri attacchi malevoli perpetrati specialmente tramite tentativi di phishing disegnati appositamente per attirare le persone giovani;
» Contenuti inappropriati, come quelli pornografici, violenti o altri contenuti per adulti;
» App, siti e social network che distraggono a influenzano la loro capacità di concentrarsi.

Infine, le famiglie avevano bisogni di vario tipo, dati dal fatto che diversi componenti della famiglia si ritrovavano a doversi connettere dalla stessa stanza a vari luoghi del mondo esterno, rendendo facile per gli hacker raggiungere il dispositivo degli utenti più giovani e con meno esperienza, entrare nella rete domestica e, da qui, sfruttare la VPN per raggiungere la rete delle aziende presso cui lavorano i genitori.


>> Ogni giorno FlashStart blocca oltre 80 milioni di siti indesiderati → Inizia ora la tua prova gratuita!


4. FlashStart: la sicurezza web in cloud, semplice

FlashStart offre una soluzione di sicurezza web in cloud che ha superato molti dei suoi competitor grazie al fatto di essere:

» facile da installare e gestire;
» flessibile ed adattabile a tutti i tuoi bisogni;
» costantemente aggiornata.

Infatti puoi configurare il filtro DNS di FlashStart in pochi minuti. Le istruzioni sono disponibili in lingue diverse e, per ogni dubbio o problema, puoi rivolgerti al nostro servizio di supporto 24/7 e il nostro team risponde in inglese, italiano e spagnolo.

Inoltre, il filtro DNS di FlashStart è aggiornato su base continua: FlashStart usa un misto di intelligenza umana e artificiale per scannerizzare l’Internet alla ricerca di nuove minacce e aggiorna la propria soluzione di cyber security direttamente, senza bisogno che l’utente effettui alcun aggiornamento e proceda con lunghi riavvii di sistema.


>> Puoi attivare il Cloud FlashStart® su tutti i tipi di Router e Firewall per proteggere i tuoi dispositivi fissi e mobili → Inizia ora la tua prova gratuita o richiedi un’offerta


5. Il filtro DNS basato su cloud di FlashStart

La soluzione proposta da FlashStart è un filtro DNS, quindi un filtro che agisce da checkpoint per controllare tutto il traffico che passa attraverso il tuo dispositivo. Qualunque sito proverai a raggiungere, FlashStart lo controllerà attraverso il suo cloud. Il cloud di FlashStart contiene numerose liste di siti divise in categorie.

5.1  Liste di accesso e liste negate

Gli esempi delle categorie includono, ma non si limitano a, Minacce e Malware (come frodi, tentativi di phishing, trojan e worm), Contenuti pericolosi (incluso il gioco d’azzardo e le frodi legate al coronavirus), Contenuti indesiderati connessi al porno, alle droghe, alla violenza e alle armi.

Tuttavia, le categorie includono anche contenuti meno pericolo come i social network, le piattaforme di video e quelle per lo shopping online per citarne alcune. Questo permette agli amministratori di rete di decidere se bloccare ulteriori contenuti ritenuti distraenti o inadatti agli utenti dato il contesto.

Di fronte ad esigenze specifiche, possono anche decidere di sbloccare un sito altrimenti bloccato automaticamente dal servizio aggiungendolo a una lista personale di siti permessi.

5.2  In profondità nella personalizzazione

Infine, gli amministratori  possono decidere di personalizzare ulteriormente il filtro DNS in base ai propri bisogni. Innanzitutto, possono decidere di assegnare profili diversi a utenti diversi. Questa funzione è utile:
» per le aziende: quando vogliono permettere solo ad alcuni uffici di accedere a specifici contenuti online, per esempio un’azienda potrebbe volere che solo il dipartimento acquisti abbia accesso alle piattaforme di shopping online;
» per le famiglie : quando gli adulti vogliono evitare che i bambini siano esposti a contenuti inadatti data la loro età ma al contempo vogliono sentirsi liberi, ad esempio, di acquistare alcolici online.

Ma la personalizzazione può raggiungere anche livelli più profondi grazie alla possibilità di FlashStart di schedulare i blocchi, una caratteristica che permette agli amministratori di rete di impostare degli orari per i blocchi. All’interno di un’azienda, ad esempio, il datore di lavoro può voler rendere i social network accessibili durante le pause ma vietarli durante l’orario di lavoro in modo da aumentare l’efficienza.


>> Stanco di sentirti in pericolo su Internet? → Prova subito FlashStart, la soluzione di sicurezza web in cloud semplice, flessibile e che si aggiorna da sola.


Su qualunque Router e Firewall puoi attivare la protezione FlashStart® Cloud per mettere in sicurezza i device desktop e mobile e i dispositivi IoT sulle reti locali.

Articoli correlati