Come funziona un Web Content Filter?

JonasCloud

1. Navigare in modo sicuro con le soluzioni FlashStart di Web Content Filtering

I web content filter possono migliorare sensibilmente la sicurezza e l’appropriatezza della tua navigazione internet. Questo post spiega come funzionano i filtri internet e, in particolare, quali sono le principali caratteristiche del web content filtering, il tipo di contenuti espliciti bloccabili e le blacklist usate, e come rappresentano a una protezione affidabile e forte contro ransomware, phishing e frodi.

2. Le principali caratteristiche del web content filter

» Le soluzioni di web filtering vengono costantemente aggiornate per incorporare nei software e nelle applicazioni i più recenti sviluppi di settore. Essi rappresentano pertanto il modo più semplice e veloce per garantire la sicurezza dei contenuti

» Lo strumento di web content blocking di FlashStart può essere installato in pochi, semplici passi per soddisfare i bisogni di aziende, istituti scolastici e universitari e uffici della pubblica amministrazione. Quando si inizia la prova gratuita si può selezionare il tipo di cliente: se un operatore standard (rivenditore, azienda, scuola, PA, utente residenziale, etc.) oppure un gestore di servizi internet o operatore TLC.

» Gli utenti standard possono poi scegliere come filtrare i contenuti web e le minacce. La prima soluzione è quella di connettere la propria rete e poi dichiarare l’IP statico pubblico o un indirizzo IP dinamico. In alternativa, per garantire lo stesso livello di protezione ai dispositivi quando si trovano fuori dalla propria rete, la protezione web può essere installata sull’end-point in roaming attraverso l’app ClientShield

» L’app ClientShield è stata lanciata da FlashStart durante il periodo della pandemia. L’obiettivo di questa soluzione di content filtering è di portare la sicurezza nelle case e assicurare il rispetto delle politiche aziendali anche quando i lavoratori eseguono le loro mansioni da remoto, fuori dalla rete aziendale. Questa caratteristica rende tutto più facile e molto più gestibile per gli amministratori IT, spesso impegnati e sovraccarichi di desktop, pc e smartphone. 

» Una volta definite le principali impostazioni della soluzione di protezione internet rimane solo uno step verso una navigazione sicura: configurare i DNS primari e secondari sulla rete seguendo le semplici istruzioni fornite dal sito. Si può anche, specialmente per gli MSP che necessitano di automatizzare i cambiamenti delle impostazioni di rete, dirottare il traffico DNS a livello di router, evitando che gli utenti circumnavighino la protezione. 

 


>> Inizia ora la tua Prova Gratuita e imposta il content & malware filtering service di cui la tua azienda ha bisogno per avanzare in modo sicuro verso il futuro.


 

 

3. Il principale strumento del web content filter: le blacklist

I cyber risk evolvono in continuazione e quindi, per garantire la protezione dei contenuti, il web content filter deve essere costantemente adattato: nuove minacce vengono aggiunte alle blacklist esistenti e, se necessario, si creano nuove liste seguendo l’evoluzione del mercato. 

FlashStart utilizza sistemi di intelligenza artificiale avanzata e neural network per categorizzare i siti in poco tempo, di solito da 12 a 24 ore dal momento dell’accesso a un nuovo sito. 

Più di 90 blacklist sono disponibili nelle soluzioni di web content filtering di FlashStart, raggruppate in 12 macrocategorie. Di seguito troverete i dettagli di alcune di queste macrocategorie. 

Siti indesiderati

I contenuti indesiderati sono probabilmente i primi che vengono in mente quando si valuta se installare un content protection software. Il web content filter di FlashStart include una vasta gamma di siti web in questa categoria. Alcuni di questi, come i siti porno o di appuntamenti, sono automaticamente bloccati dal software. Lo stesso vale per i giochi online e per i contenuti per adulti diversi dal porno. 

Altri siti sono solo suggeriti da FlashStart: l’amministratore può decidere di vietare l’accesso a questi siti addizionali quando rivede le impostazioni dell’internet content blocker. Essi includono siti che vendono armi o droghe illegali ma anche alcuni siti meno pericolosi (es. contenuti web connessi a aste online o chat). 

Prenota una demo ora e inizia a impostare il tuo content filtering service.

Malware & Threats

Siti web pericolosi che contengono malware e altre minacce informatiche rappresentano un grande rischio sia per i dispositivi che per le informazioni personali. Il webcontent filter di FlashStart blocca automaticamente questi contenuti a meno che l’amministratore non applichi selezioni differenti. 

Le minacce includono frodi e truffe, tentativi di phishing, trojan, worm, ransomware e cryptowall. FlashStart scannerizza milioni di siti web ogni giorno e migliaia di specchietti per le allodole per monitorare e evidenziare le attività rischiose e i nuovi sviluppi. In questo modo, la soluzione di content filtering è costantemente aggiornata e si può garantire un browser di ricerca sicura. 

Siti pericolosi

I contenuti pericolosi includono le piattaforme online di gioco d’azzardo, siti che forniscono accesso a contenuti illegali distribuiti su reti P2P e applicazioni che violano il copyright. Un browser di ricerca sicura diminuisce la probabilità che gli utenti abbiano accesso a questi siti, rendendo meno probabili per le aziende eventuali perdite dovute a comportamenti inadempienti, incluse le azioni legali connesse a queste aree rischiose. 

Investire oggi nell’internet content blocker di FlashStart significa poter godere domani di minori spese legali. Lo strumento di webcontent filtering blocca sempre automaticamente questi siti di modo che gli amministratori possano dimenticarsi di questo tipo di rischio. 

Con la pandemia da Coronavirus c’è stata una crescita esponenziale dei siti truffa: questi siti usano la pandemia e le paure ed interesse che essa genera come mezzo per attirare gli utenti in truffe. FlashStart ha aggiornato la sua soluzione di content filtering per permettere agli amministratori di bloccare anche questo tipo di contenuto.

Audio & video

Scuole e università lamentano il fatto che gli studenti sfruttino il wifi gratuito per guardare video, serie tv e ascoltare musica online. Gli strumenti di web content blocking possono aiutare a risolvere questo problema restringendo l’accesso a siti come Amazon Prime Video, Netflix, Spotify e YouTube. Non è necessario bloccarli tutti insieme: se si pensa che gli studenti possano, ad esempio, usare YouTube a scopo scolastico, si può permettere l’accesso a questo sito specifico. 

FlashStart fornisce istruzioni step-by-step per confezionare su misura il webcontent filter e per ogni problema il nostro centro di supporto tecnico è disponibile 24/7, contattaci!


> Inizia la tua  Prova Gratuita!


 

Tempo libero

Internet influenza, e in alcuni casi anche dirige, la maggior parte degli aspetti delle nostre vite quotidiane, e il tempo libero non fa eccezione. C’è una vasta gamma di siti che hanno l’obiettivo di ispirare e organizzare il nostro tempo libero, proponendo viaggi, libri, shopping e moda, attività sportive ma anche contenuti più specializzati che dipendono dalle idee politiche e religiose o dalle passioni personali, come la fotografia o gli animali. 

Avere la possibilità di accedere a contenuti di svago come questi durante l’orario di lavoro può impattare sull’efficienza dei lavoratori, diminuendo il loro livello di attenzione. Un browser di ricerca sicura aiuta le aziende e le amministrazioni pubbliche a mantenere i propri impiegati costantemente concentrati sulle loro attività. Per capire l’ampiezza dei siti con contenuti di svago che puoi bloccare prenota una demo con il nostro staff di supporto.

Social Networks

Questa categoria include i principali social network, come Facebook e Instagram, ma anche altre reti e piattaforme di comunicazione come WhatsApp e Twitter. Un filtro di contenuti espliciti permette di impostare misure di content security che blocchino l’accesso a questi siti. L’internet content filter può lavorare in modo continuo o in determinate fasce orarie, ad es. si può permettere l’accesso ai social durante i momenti di pausa ma bloccarlo durante l’orario lavorativo. 

I datori di lavoro possono anche impostare il web content filter in modo da non permettere agli impiegati di cercare altre opportunità di carriera mentre si trovano in azienda, vietando siti specifici che pubblicizzano offerte di lavoro o piattaforme come LinkedIn

 

 

4. Scegli il livello di protezione di cui hai bisogno per ottenere un browser di ricerca sicura

Uno degli aspetti chiave dei web content filter è che i fornitori e gli amministratori di reti internet possono impostarli in modo da soddisfare i propri bisogni specifici. Per rendere più semplice questo processo, FlashStart permette agli amministratori di scegliere tra tre diversi livelli preimpostati di sicurezza – base, media e alta: 

» Il livello di protezione base blocca tutti i siti che contengono contenuti inappropriati e/o pericolosi, malware e minacce. Ciò permette di avere un browser di ricerca sicura con un livello di sicurezza base ma affidabile. 

» Con il livello di protezione medio il web content filter blocca anche contenuti audio e video, blog e chat, siti e applicazioni di musica e radio, di viaggi e YouTube. Questo livello di content protection è ciò di cui le aziende e le pubbliche amministrazioni hanno bisogno per diminuire le possibilità di distrazione e assicurare che i loro impiegati lavorino in modo efficiente. 

» Oltre a quanto sopra, un alto livello di protezione garantisce che il filtro esplicito di contenuti blocchi tutti i principali social network e siti connessi alle attività del tempo libero. Ciò è suggerito specialmente per istituzioni dove la rete internet è usata da soggetti facilmente distraibili, come quelle del settore educativo. 

Prenota una demo per capire come personalizzare il filtro esplicito di contenuti!

 

 

5. Imposta la content security così che tutti gli utenti della rete possano apprezzarla

I web content filter sono un ottimo strumento per incrementare l’efficienza sul luogo di lavoro. La loro efficacia, tuttavia, aumenta se gli utenti stessi possono apprezzarla. Per questo motivo può risultare utile garantire in modo continuo un livello di protezione base e implementare più elevati livelli di protezione solo durante l’orario lavorativo.  

L’internet content filter di FlashStart permette agli amministratori di calendarizzare i blocchi. Per ogni categoria di blacklist i blocchi possono essere programmati su base settimanale, definendo giorni e orari in cui il blocco deve essere attivo. FlashStart permette anche di impostare la ripetizione automatica di questi calendari nel tempo: in questo modo gli amministratori definiscono i calendari una sola volta e possono poi dedicarsi ad altre attività.

Inizia la tua prova gratuita e adatta il web content filter a tutti i tuoi bisogni.

 


> Per maggiori informazioni sul nostro Cloud clicca qui

> Per una prova gratuita clicca qui

> Per richiedere i prezzi clicca qui